Via Risorgimento 38, 56126 Pisa (PI) - Italia

050-552196

04 Mar 2022

Prevenzione HPV: come faccio?

Abbiamo già parlato qui dell’infezione da HPV e dell’importanza della prevenzione, ma come fare in pratica? 
In questo articolo abbiamo raccolto per te delle informazioni utili su come orientarsi tra i servizi offerti dalla Regione Toscana.

Vaccino HPV:

  • In Italia la vaccinazione è gratuita dall’inizio del dodicesimo anno di vita (11 anni compiuti) e fino al compimento dei 26 anni. Dal 2017, grazie al Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2017-2019, la vaccinazione è gratuita anche per i maschi nati a partire dal 2006 1.
  • Il vaccino viene somministrato in due dosi fino ai 14 anni inclusi e in tre dosi dai 15 anni in su, a distanza di sei mesi ciascuna.
  • Come specificato anche nelle linee guida della Regione Toscana, il vaccino non sostituisce lo screening periodico per il tumore del collo dell’utero (Pap Test); infatti, sebbene protegga dalle lesioni causate dai ceppi 6,11,16,18,31,33,45,52 e 58, non può garantire protezione assoluta nei casi in cui l’infezione sia già avvenuta e va comunque integrato a programmi di diagnosi precoce. 
  • La vaccinazione avviene nei centri vaccinali delle aziende USL della Toscana, con i quali ci si può direttamente mettere in contatto sia per avere informazioni più dettagliate che per prenotare.
  • Dai 26 ai 46 anni la vaccinazione è offerta in co-payment, mentre resta gratuita per tutte le donne che hanno subito o devono subire un intervento di conizzazione, per le quali è previsto un canale di accesso libero, dato che è fondamentale che questa avvenga entro i tre mesi dall’intervento 2
  • A questo link potrai inoltre trovare utili indirizzi e informazioni sui centri di vaccinazione.

1 Vaccinarsi contro il papillomavirus - Regione Toscana 

2Da notare che questo percorso è specifico per le donne residenti nel Comune di Pisa

Screening:

  • Il Pap test è raccomandato ogni 3 anni dai 25 ai 33 anni.
  • Dai 34 anni in su è invece raccomandato L’HPV test, da ripetere ogni 5 anni
  • Per le donne residenti, al momento della ricezione della lettera di richiamo ci si può presentare al test seguendo le modalità riportate nella lettera a seconda del rispettivo comune di appartenenza. Nella Regione Toscana, gli screening oncologici per il tumore del collo dell’utero sono gestiti dall’Istituto per lo studio, la prevenzione e la rete oncologica (ISPRO).
  • Le donne non residenti possono richiedere spontaneamente lo screening nelle strutture Asl e con le diverse modalità previste dalla regione in cui vivono, o in alternativa in laboratori privati a pagamento.

 


Condividi: